La stimolazione cognitiva

Cervello che si allena con pesiLa stimolazione cognitiva, o brain training, è un allenamento delle funzioni cognitive quali la memoria, l’attenzione, la capacità di pianificare, la capacità di trovare strategie e di risolvere problemi, il ragionamento logico, ecc…

È importante in alcune situazioni perché il cervello, così come i muscoli, se non lavora si indebolisce!
Il training consiste in esercizi, proposti in forma orale, tramite carta e matita o programmi informatici.

L’attività ha una veste ludica e può essere, quindi, vissuta come un piacevole passatempo che impegna la mente divertendosi, sfidando se stessi e gli altri a raggiungere nuovi obiettivi; può essere condotta in seduta individuale ma è preferibile in gruppo, poiché il gruppo consente di aumentare il valore ludico, la motivazione e l’impegno.

CONTINUA A LEGGERE

DIFFICOLTÀ E DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO: GUIDA PER I GENITORI – CAPITOLO 1

I disturbi specifici dell’apprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia) si manifesta come difficoltà ad apprendere in bambini con un profilo cognitivo nella norma, senza deficit neurologici o sensoriali, che hanno avuto adeguate stimolazioni.

CONTINUA A LEGGERE

La balbuzie

Immagine di un uomo che ha in mente un pensiero, rappresentato da una strada dritta e liscia, ma dalla bocca esce un discorso diverso, rappresentato da una strada ripida, tortuosa e piena di buche.La balbuzie è un disturbo del linguaggio caratterizzato da alterazioni nella fluenza e nel ritmo dell’eloquio. Le alterazioni dell’eloquio impediscono, alla persona che balbetta, di esprimere verbalmente il pensiero che ha pianificato mentalmente; altre volte egli riesce a controllare la fluenza ma l’eloquio risulta poco spontaneo, quasi “meccanico”.

La balbuzie può essere trattata dal momento del suo esordio fino a tutto l’arco di vita, ma la precocità dell’intervento migliora la prognosi.

CONTINUA A LEGGERE